Hellenic moment

di Giuseppe Masala

La International Swaps and Derivatives Association ha annunciato che il suo Comitato per le decisioni sui derivati ritiene che la ristrutturazione del debito pubblico greco in mano ai privati equivale ad un default. Tutto questo significa che gli istituti finanziari che  hanno emesso Credit Default Swap sul debito greco dovranno ripagare il debito a chi ha coperto il suo investimento con questi strumenti finanziari.

La notizia è straordinaria visto che il Governo greco aveva annunciato che oltre l’80% del debito greco in mano ai privati era stato convertito in nuovo debito opportunamente ristrutturato (haircut). Ma evidentemente, per la ISDA tutto ciò non è stato sufficiente.

Quali le conseguenze pratiche? Nessuno al momento è in grado di valutarle, visto che nessuno sa quanti di questi CDS sono in circolazione. Tenete in considerazione il fatto che nel Casinò Finanziario Globale non vi è nessun obbligo di possedere il sottostante “assicurato” per acquistare un CDS che lo assicuri. Un pò come se io potessi acquistare una assicurazione furto e incendio su un auto che non è di mia proprietà e dunque di conseguenza avessi tutto l’interesse che quell’auto prenda fuoco. Questo è uno dei mille paradossi del Casinò. Vedremo le conseguenze.

Una cosa si può dire, i sacrifici inflitti al Popolo greco sono stati sostanzialmente vani se l’obbiettivo finale di questo accanimento terapeutico era proprio quello evitare che scattassero i CDS.

Vedremo anche cosa ci racconteranno i politici e i giornalisti.

 

Annunci