Globalizzazione nuovo imperialismo

di Giuseppe Masala

glob

Il colonialismo al tempo di Adam Smith fu chiamato “la ricchezza delle nazioni”: l’imperialismo di oggi – il moderno colonialismo – si chiama “globalizzazione”. Non è difficile dimostrare che la globalizzazione maschera in realtà l’imperialismo, una volta mostrato il modo imperialistico, sfruttatore e distruttivo, di operare nel Terzo Mondo della Banca Mondiale, dell’Unione Europea e delle transnazionali dell’OCSE. Eppure, sotto questa copertura, milioni e milioni di persone muoiono per ragioni a loro ignote e incomprensibili.

Hosea Jaffe – “L’imperialismo dell’auto. Auto + Petrolio = Guerra”, Jaca Book, 2004

Le forze produttive si svilupparono come risultato dei rapporti di produzione, colonialistici, internazionali e interclassisti. La stretta convergenza tra forze produttive e rapporti di produzione/distruzione si manifestò nel conflitto tra il modo di produzione feudale/capitalistico “europeo” e i modi di produzione “non europei” (americano, africano, asiatico). Questo conflitto costituì la genesi e il fondamento del sistema capitalistico come sistema-mondo.Tale conflitto si svolse fuori dal continente europeo. Si svolse quasi esclusivamente nelle coste insanguinate degli altri continenti.

Hosea Jaffe, in “Progresso e nazione: economia ed ecologia”, Jaca Book, 1990

Annunci