zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Tag: Guerra

Colpo di Stato a Ryad

di Alberto Negri

Un interessante articolo di Alberto Negri che spiega chiaramente come dietro la designazione del nuovo Principe Ereditario saudita vi è lo scontro tra Arabia Saudita e Iran per l’egemonia nel Golfo Persico ed in generale nel mondo arabo.

 

Descritto come dinamico ma impulsivo, il nuovo erede al trono saudita punta a ribaltare i rapporti di forza con l’Iran. Gli iraniani, che hanno accusato Riad per gli attentati rivendicati dall’Isis, hanno affermato che la successione è una sorta di «golpe mascherato». Il giovane principe ritiene, come ha dichiarato in un’intervista a Al Arabiya, che «la guerra debba essere portata in Iran prima che arrivi in Arabia Saudita». Non ci sono dubbi sull’ostilità tra i duellanti del Golfo.
In questo conflitto gli Stati Uniti non sono certo arbitri imparziali ma attori principali, che si devono confrontare con gli sproporzionati obiettivi di un alleato americano dal 1945 ma anche con la Russia di Putin. Hanno in pugno pace e guerra.
L’incontro di Mohammed bin Salman il 14 marzo a Washington con Donald Trump è stato fondamentale per definire i nuovi bersagli dopo la cocente delusione subita da Riad durante il mandato di Obama che aveva voluto l’accordo sul nucleare con l’Iran: isolamento del Qatar, amico di Teheran e dei Fratelli Musulmani, e apertura del fronte siriano contro la repubblica islamica, definita dai sauditi un pericolo «uguale» a quello dell’Isis.
Una tesi scellerata e contro ogni evidenza abbracciata da Trump e favorita da Israele, che vede nel regime sciita degli ayatollah un nemico «esistenziale». Se prevalesse la linea saudita ci sarebbe un salto di qualità rispetto al passato. Gli Stati Uniti, da quando nel 1979 ci fu la rottura con Teheran, non hanno mai rinunciato a destabilizzare l’Iran ma nel quadro di una politica del «doppio contenimento» sia del fronte sciita che di quello sunnita, con l’obiettivo che nessuna delle due parti dovesse prevalere sull’altra. Il dibattito su cosa fare con l’Iran adesso si è aperto all’interno della stessa amministrazione americana perché non può sfuggire che la presenza della Russia in Siria ha mutato la situazione a favore di Assad e dell’Iran, alleati cui Mosca per ora non intende rinunciare senza contropartite strategiche.
Il capo del Pentagono James Mattis, pure noto per le sue posizioni ostili a Teheran, frena su un conflitto con l’Iran, pericoloso proprio per la presenza militare americana in Siria e Iraq, che invece è visto con favore da altri esponenti del consiglio di Sicurezza Nazionale: il piano minimo è bloccare il corridoio iraniano di rifornimento che passa dall’Iraq al Sud della Siria e finisce ai terminali Hezbollah in Libano.
Il conflitto con l’Iran è un capitolo esplosivo di una sorta di guerra mondiale a pezzi cominciata nel momento in cui si pensò che nel 2011 Assad potesse essere abbattuto usando i jihadisti da parte di un fronte sunnita formato da Turchia e monarchie del Golfo con il via libera degli Usa. I sauditi con il Qatar hanno appoggiato in Siria le milizie affiliate ad Al Qaida ma gli stessi turchi oggi non vogliono un’altra guerra con l’Iran alle porte di casa.
Con la sua ideologia religiosa retrograda e l’oscurantismo wahabita, Riad ha alimentato l’estremismo sunnita: una politica avventurista che in Occidente e negli Usa viene tollerata perché i sauditi pagano tutti. Non è un caso che i servizi tedeschi del Bnd abbiamo definito la nuova leadership saudita «un vero pericolo».
In questo contesto ci sono precedenti storici e dati attuali, come le basi Usa nel Golfo e la coalizione curdo-araba a Raqqa appoggiata dagli americani, che Mohammed bin Salman vorrebbe sfruttare a suo favore con una scommessa ad alto rischio: battere Teheran e vincere la guerra in Siria e in Yemen in cui lui stesso, con rara imperizia, si è impantanato, con l’intervento decisivo degli Stati Uniti: in un mese gli americani hanno bombardato quattro volte i soldati siriani e abbattuto un caccia di Damasco, azioni precedute dal lancio spettacolare ma senza conseguenze di 59 Cruise su una base aerea siriana.
Arabia Saudita e Iran si contendono la supremazia nella regione da decenni in uno scontro indiretto ma esploso in guerre per procura da parte saudita, a partire dal 1980 quando Saddam attaccò la repubblica islamica sfruttando finanziamenti per 50-60 miliardi di dollari delle monarchie del Golfo. E oggi in Iraq e in Siria la guerra continua, così come in Yemen, dove Teheran sostiene i ribelli sciiti Houthi.
La realtà è che i sauditi sono alle corde e il conflitto con gli sciiti si è trasferito dentro lo stesso fronte sunnita. L’autorità di questa monarchia assoluta deriva dal Corano e dalla custodia della Mecca ma appare sempre meno solida: un’eventuale guerra all’Iran non la salverà più di quanto non possano fare delle vere riforme, posto che questo sia un regime riformabile.

Articolo pubblicato sul Sole24Ore

 

Annunci

Come nasce la nuova guerra

UE

L’Unione europea è stata fondata per reazione alle guerre del ventesimo secolo. Con la crisi, gli interessi materiali comuni non alimentano più l’integrazione politica, e l’assenza di una politica europea di ampio respiro alimenta le spinte verso nuovi conflitti. Ulrich Beck, nel suo meraviglioso libro German Europe, («L’Europa tedesca», Polity, 2013), sostiene che l’Europa non è stata fondata sulla logica della guerra, ma sulla logica del rischio. L’Unione europea – fa notare Beck – si regge su una rete di «non». Non è una nazione, non è uno stato e neppure un’organizzazione internazionale. Gli stati sono stati edificati sulla logica della guerra.

L’Unione europea rappresenta un diverso tipo di sistema governativo, costruito per reazione al rischio della guerra e, oggi, per reazione al rischio del collasso economico. Gli economisti sostengono che l’unione monetaria sia stata un grosso errore in assenza di un’unione politica. Beck, invece, sostiene proprio il contrario: l’unione monetaria stabilirebbe un interesse materiale per un’unione politica. Senza l’unione monetaria non ci sarebbe alcuno slancio per l’unione politica.

Fin qui tutto bene. Ma c’è di più in questa storia. Nell’Europa di oggi le logiche economiche e politiche spingono in direzioni opposte. È vero che l’unione monetaria decide il bisogno dell’unione politica, e tutti lo capiscono a livello delle élites. Ma le conseguenze dell’unione monetaria e l’agenda neo-liberista a essa associata, stanno indebolendo, allo stesso tempo, quel che è noto come consenso passivo, indebolendo enormemente la legittimità delle élites europee e con esse il progetto europeo. L’Unione europea è stata fondata per reazione a quella che chiamo la “vecchia guerra” le guerre del ventesimo secolo. Benché, a rigor di logica, questioni di interesse materiale dovrebbero condurre a un’accresciuta cooperazione politica, la politica europea contemporanea, o l’assenza di quest’ultima, suggerisce piuttosto la possibilità di nuovi conflitti, ciò che definisco la “nuova guerra”. L’idea secondo cui la cooperazione economica condurrebbe alla cooperazione politica è stata un punto centrale fin dal principio dell’integrazione europea. I fondatori dell’Ue credevano che obiettivi di “alta politica” sarebbero stati raggiunti attraverso misure di “bassa politica”. La cooperazione economica e sociale stabilirebbe legami fra le persone, e questo alla fine porterebbe all’unione politica. Nei primi tre decenni dopo la seconda guerra mondiale tale argomento sembrava effettivamente avere un qualche valore. Il cosiddetto “metodo Monnet” implicava la cooperazione a livello di infrastrutture (carbone e acciaio), dell’agricoltura, così come delle politiche regionali. Piccoli passi venivano intrapresi in direzione di una più grande cooperazione politica. Ma dopo il 1989 tutto è cambiato. Da una parte l’89 è stato il punto alto raggiunto dai movimenti cosmopoliti del post-’68 – i “figli della libertà” ( freedom’s children ), come li chiama Beck. Il concomitante avvento della pace, dei diritti umani e la fine della guerra fredda portarono a una nuova ondata di europeismo. Dall’altra parte ci fu l’arrivo dell’età del neoliberismo. La stessa critica della rigidità, del paternalismo e dell’autoritarismo dello stato sviluppata dai “figli della libertà” fu usata per chiedere più mercato – deregolamentazione, privatizzazione e stabilizzazione macro-economica. I “figli della libertà” avevano dato la giustizia sociale per scontata e, nel reagire contro la “vecchia sinistra”, avevano dato spazio a una nuova destra radicale. Il Trattato di Maastricht del 1991 può essere considerato come un contratto fra gli europeisti, guidati da Jacques Delors, e i sostenitori del libero mercato, simboleggiati da Margaret Thatcher. Ma logica del mercato è molto diversa dalla cooperazione tra stati. Negli ultimi due decenni è stata realizzata in Europa quest’unione contraddittoria di cosmopolitismo e mercato. Sul primo versante, l’Europa si è estesa verso est, sviluppando una politica di vicinato basata sull’applicazione del “metodo Monnet”, estendendo i metodi della “bassa politica” ai paesi confinanti e, a volte, anche oltre. A livello internazionale la Ue ha elaborato politiche per la gestione delle crisi e per l’aiuto allo sviluppo che, seppur gestite spesso in maniera burocratica, l’hanno trasformata nella più grande donatrice di aiuti nel mondo e in una protagonista del dibattito globale sul cambiamento climatico, la povertà e la sicurezza globale. Sul secondo versante, le regole del mercato unico e dell’euro – i cosiddetti criteri di convergenza – associati con le altre riforme neoliberiste, hanno portato a un aumento delle disuguaglianze, dell’insicurezza e dell’atomizzazione, indebolendo il senso di comunità e la politica cosmopolita. Per di più, le politiche di sicurezza interna e la sorveglianza, specie ai confini dell’Europa estesa, hanno contribuito a crescenti diffidenze all’interno delle società. -È vero, come nota Beck, che interessi materiali potrebbero imporre la cooperazione politica. Questa è la sola via per salvare l’euro. Ma l'” alta politica” della Ue è ancora assente – abbiamo solo Merkiavelli , il titolo di un brillante articolo di Ulrich Beck su opendemocracy.net . Le élites nazionali ora non hanno un sostegno popolare e il cosiddetto consenso passivo, che ha permesso l’avanzamento dell’integrazione europea, sta scomparendo rapidamente. Il destino dei Primi ministri tecnocrati, Mario Monti e Lukas Papademos, imposti a Italia e Grecia, illustra la fine del consenso passivo. Quella che l’Europa sta affrontando è una profonda crisi politica. Questa è la conclusione del nostro rapporto su “La politica sotterranea” ( The Bubbling Up of Subterranean Politics , in pubblicazione con Routledge). Le proteste e le manifestazioni, le nuove iniziative politiche e i nuovi partiti non sono soltanto una reazione all’austerità. Riflettono una profonda perdita di fiducia nelle attuali élite politiche – esprimono l’opinione che tali élite siano rinserrate dentro interessi materiali e mediatici e siano perciò incapaci di agire a vantaggio del bene comune, insieme alla percezione che la democrazia rappresentativa non riguardi più la partecipazione, ma miri soprattutto a riprodurre quell’ élite . Il problema è che, nell’assenza di un “cosmopolitismo dal basso”, di un progetto di solidarietà europea, quest’assenza di fiducia politica può essere facilmente manipolata da partiti xenofobi, euroscettici ed elitari di vario genere. Partiti come l’Ukip ( UK Independence Party), i True Finns, il Dutch Freedom Party , Alba dorata in Grecia e altri analoghi stanno realizzando incursioni elettorali in quasi ogni paese europeo. E i partiti tradizionali, preoccupati da considerazioni a breve termine di carattere elettorale, tendono ad assecondare i sentimenti espressi da questi partiti, invece di dar voce agli interessi comuni di lungo termine. È molto difficile capire come l’Europa possa sfuggire a questa spirale. L’analisi offerta dal volume di Ulrich Beck sottolinea che l’europeismo della stabilità monetaria è radicato a tal punto nella mentalità tedesca che è improbabile che un’Europa tedesca, guidata da un pragmatismo apolitico, possa cambiare il suo corso. L’assenza di una pressione dal basso in Europa, la debolezza della solidarietà trans-europea, la frammentazione della “politica sotterranea”, tutto lascia intravedere tendenze politiche piuttosto buie. Lungi dall’essere un’eccezione, una dissonanza marginale, la Grecia potrebbe rappresentare il futuro per gran parte dell’Europa. Quanto accade in Grecia è tipico di ciò che chiamo “la nuova guerra”, l’emergere di nuove forme di conflitto. I drammatici tagli nella spesa pubblica indeboliscono la capacità dello stato ed erodono ulteriormente fiducia e legittimità, dando spazio a una combinazione di criminalità e di politica estremista. Una tale mescolanza si autoriproduce perché chi ne è coinvolto trae vantaggio dal disordine. E’ una dinamica che è molto difficile fermare; si sta affermando un nuovo tipo di economia politica predatoria, che non conosce nessun limite. La sola risposta sarebbe un’autorità politica cosmopolita, ma da dove potrebbe venire?

(Mary Kaldor è Professore di Global Governance alla London School of Economics)
Fonte: il Manifesto

Privatizzazioni e guerre

capitalismo
 

Le guerre sono motivate da, e risultano in, privatizzazione e de-nazionalizzazione di proprietà pubbliche. Allo stesso modo, le privatizzazioni portano alla guerra per proteggere e prevenire la ri-nazionalizzazione di industrie strategiche. Le privatizzazioni sono di frequente accompagnate o seguite dalla concessione di basi militari, rafforzando così la presenza coloniale e indebolendo la sovranità di stati del terzo mondo. Come minimo le privatizzazioni sono quasi sempre accompagnate da “accordi cooperativi” militari ed “accordi di difesa reciproca” che in effetti permettono la presenza di consiglieri militari americani nei ministeri della difesa, l’indottrinamento e training di ufficiali militari ed una “formula legale” che permette l’intervento militare USA se e quando un regime cliente è minacciato. In altre parole la privatizzazione e de-nazionalizzazione indebolisce gli stati del terzo mondo – priva lo stato di risorse economiche, redditi e leve di potere, mentre restringe severamente la sua sovranità. Clienti indeboliti spesso forniscono soldati mercenari per future guerre coloniali ed imperiali di occupazione come in Iraq, Afghanistan ed Haiti.

 

James Petras su Proteo, N. 2/2005

La crisi e le guerre